3 maggio 2010

W.I.N., il Talento delle Idee

Bologna – Giornata di premiazioni a Bologna per il concorso “Il Talento delle Idee”, l’iniziativa promossa da UniCredit Group e Giovani Imprenditori di Confindustria per promuovere e sostenere la nascita e la crescita di nuove realtà imprenditoriali. Premiata fra le altre la W.I.N. di Pontedera, che riceve così un altro ambito riconoscimento risultando fra le prime tre classificate nell’area territoriale Emilia Romagna-Toscana dopo l’attenta valutazione della proposta imprenditoriale da parte della commissione giudicatrice, coordinata dalla Fondazione FinancIdea.

L’obiettivo del concorso, ancora in attesa della finale nazionale che vedrà W.I.N. tra le protagoniste, è individuare sul territorio italiano proposte innovative, originali e generatrici di valore, sulle quali veicolare risorse economiche e servizi dai circuiti che interagiscono con il tessuto imprenditoriale di riferimento. Gli attori sono aspiranti imprenditori tra 18 e 40 anni in sei diverse aree territoriali italiane, e il concorso prevede finanziamenti personalizzati e programmi di master e training per i primi classificati. Diversi i criteri di scelta delle migliori proposte: l’originalità dell’idea, la sua realizzabilità tecnica, l’interesse del progetto per gli investitori e la potenzialità di sviluppo, l’adeguatezza delle competenze del management team, l’attrattività del mercato di riferimento e la qualità e la completezza dell’esposizione delle informazioni. E ancora una volta l’idea innovativa di W.I.N. ha fatto la differenza: il connubio tra l’alto contenuto tecnologico della giovane azienda biomedicale e il suo avanzato piano strategico e finanziario la rende una delle start-up più interessante dell’intero panorama italiano. Nata solamente un anno fa, l’azienda inserita nell’incubatore di imprese PonTech è già riuscita fra l’altro ad ottenere un brevetto riconosciuto a livello internazionale sull’originalità e l’innovatività della propria idea.

<<L’utilizzo di un sistema modulare indossabile in grado di “accogliere” automaticamente diversi sensori e permettere così la rilevazione di vari parametri fisiologici del paziente è un deciso passo in avanti per il sistema medico-sanitario – commenta Emmanuele Angione, direttore generale di W.I.N., che ha ritirato il premio a Bologna dalle mani dei Giovani Imprenditori di Confindustria – Le applicazioni sono svariate, e tutte di grande appetibilità per il mercato: il monitoraggio da remoto dei pazienti, il controllo degli anziani, il monitoraggio in corsia di pazienti a rischio, applicazioni sportive…>>.

Dello stesso avviso è Antonio Mazzeo, presidente della giovane azienda già vincitrice di altri premi a livello nazionale e che attende ora il responso, unica rappresentante dell’intera Toscana, della finale nazionale del concorso a Santa Margherita Ligure: <<Poter monitorare costantemente e senza alcuna invasività tutta una serie di valori vitali ha ricadute incredibili sia sulla qualità della vita dei pazienti, che a casa o in corsia possono sentirsi veramente liberi e al tempo stesso completamente tutelati, con grande sollievo da parte delle famiglie, sia sulle strutture ospedaliere, che grazie alla nostra tecnologia possono finalmente rinnovare processi ormai obsoleti con grossi risparmi in termini di impiego di risorse e costi di ospedalizzazione. Ne è una prova evidente il progetto pilota nato in collaborazione con la ASL di Pisa, convinta della bontà del nostro sistema e dei vantaggi che può apportare alle loro strutture sanitarie>>.

E’ bello vedere come anche in Italia, uno dei paesi col più basso tasso di avvio di giovani start-up e con pochissime opportunità per avviare un’impresa e provare a mettere in pratica un’intuizione, le idee innovative non mancano… e finalmente qualcuno si è deciso a premiare (e finanziare!) il talento.

 

Archivi